28 giugno 2012

L'isola che c'è

4 commenti:

Svegliarsi una domenica mattina e partire in treno - ormai sempre uncinetto al seguito - per trascorrere qualche ora in un posto che ci sembrava tanto lontano ed invece, orologio alla mano, dista appena un'ora e trenta minuti...non ha prezzo (ah il potere della réclame!)
Arrivate alla stazione di Venezia Santa Lucia, ci siamo subito dirette agli imbrachi dei vaportetti, un po’ di attesa e poi in navigazione (insieme a turisti provenienti da ogni Paese) sempre con lo sguardo rivolto alla laguna ed alle sue isole.
Una breve sosta a Murano
ma solo per il cambio del vaporetto (in realtà nel tragitto da un imbarco all’altro siamo riuscite anche a fare  qualche piccolo acquisto, ma ve ne parleremo prossimamente!) e poi di nuovo in mare: destinazione finale Burano.
Avevamo “scoperto” l’isola qualche mese, fa in una giornata di pioggia
e nonostante le avverse condizioni meteo ne eravamo rimaste affascinate
Così siam volute tornare e, con il sole ormai estivo, l’isola ci ha accolto con i suoi più sgargianti colori

Siamo ritornate in un piccolo negozio dove, durante il precedente viaggio, avevamo trovato riparo da una pioggia torrenziale
Alla fiera dell'Est
Ci ha accolto Alice, giovanissima creativa, in compagnia della sua gentilissima mamma e della nonna.
Avremmo voluto trascorrere ore ed ore ad ammirare e toccare tutte le bellissime pietre che realizza nel suo laboratorio
e che, assemblate con altri materiali, si trasformano in originali creazioni, ma era ormai giunto il momento di rientrare (in effetti abbiam trascorso più tempo sui vaporetti che sulla terra ferma!) non prima di aver ascoltato da Alice un affascinante racconto sul procedimento di produzione delle Stones le pietre che abbiamo scelto di acquistare (nella foto sono quelle nel secondo contenitore da sinistra!) e esserci scambiate i recapiti per future richieste, approfittando del suo estro creativo, del suo entusiasmo e della sua  disponibilità!
Leggi tutto...
20 giugno 2012

Pazze per il pizzo!

6 commenti:
Continua la nostra produzione di orecchini con pizzo macramè.

 



Black&White con perle di fiume.














White&Black con mezzi cristalli e cuori in vetro sfaccettato.
Leggi tutto...
14 giugno 2012

Scopri le differenze.

7 commenti:

Un dono ricevuto da chi conosce bene i nostri gusti e ci vizia sapendo che ci fa sempre piacere ricevere un pensiero, anche senza un “motivo” preciso, non necessariamente per una particolare ricorrenza.
La lettura di un  post contenente le spiegazioni, come sempre chiare e precise, per la realizzazione dei Braccialetti porta fortuna.
La combinazione dei due eventi ed ecco realizzati all’uncinetto i braccialetti fiorati, in puro cotone 100%.


Avete riconosciuto l’originale?

Leggi tutto...
6 giugno 2012

Eureka!

8 commenti:

Un  pomeriggio siamo uscite con un obiettivo preciso: trovare delle applicazioni in macramè o del pizzo marcamè.
In molti negozi ci hanno detto di non avere gli articoli che ci servivano, ma alla fine, quando già disperavamo, in una merceria ci hanno chiesto: “ Di che colore vi servono? Noi abbiamo delle applicazioni solo in bianco.”
“Va bene” abbiam detto noi “vuol dire che proveremo poi a colorarle!”
Risposta: “ Ci hanno già  provato, ma il macramè bianco non si riesce a tingere, il colore non prende.”
E noi: “Pensavamo di provare con i colori acrilici.”
Stupore! Sorpresa! Meraviglia…..
Rientriamo a casa con il nostro acquisto e, naturalmente, sperimentiamo!
E visto che la matematica non è un’opinione, se ad un’applicazione di macramè  si aggiunge del colore acrilico…il risultato è una nuova applicazione colorata!!!
E se aggiungiamo ancora due perle, due sferette di ametista e due monachelle (ormai rigorosamente "hm" ovvero handmade) , il risultato della sommatoria di tutti gli elementi è un nuovo un paio di orecchini!

Tanto per non volere lavorare di precisione abbiamo spennellato qua e là il colore ottenendo effetti in sfumatura. Più facile di così...

Leggi tutto...